Cerca nel blog

DISCLAIMER

Le informazioni contenute in questo sito sono presentate a solo scopo informativo, in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento, e non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica. Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o di specialisti riguardo qualsiasi indicazione riportata..

Calcoli renali negli adulti: Educazione del paziente

- Categoria: Calcoli renali Rss feed

PANORAMICA SUI CALCOLI RENALI

I calcoli renali (chiamati anche nefrolitiasi o litiasi renale)si presentano come piccoli sassolini nelle vie urinarie che, ostruendole, possono causare le coliche renali che portano con sé dolore intenso al fianco e durante la minzione.

I calcoli renali sono comuni e colpiscono circa 1 maschio su 5 e 1 donna su 10 in età adulta.

Oltre ad essere un disturbo piuttosto frequente, la formazione dei calcoli renali è anche soggetta a frequenti recidive. Fortunatamente, oltre a trattamenti specificici, puoi adottare anche misure per evitare che i calcoli renali si ripresentino.

COME SI SVILUPPANO I CALCOLI RENALI

Un calcolo renale può formarsi quando nelle urine sono presenti livelli elevati di determinate sostanze (calcio, ossalato, cistina o acido urico). I calcoli possono anche formarsi quando queste sostanze sono a livelli normali, specialmente se non stai facendo molta urina (ad esempio se non bevendi abbastanza liquidi).

Le sostanze formano minuscoli cristalli, che si ancorano nel rene e aumentano gradualmente di dimensioni, formando un calcolo renale. Un calcolo può rimanere nel rene per anni o decenni senza causare alcun sintomo o danno al rene.

Tipicamente, il calcolo alla fine si muove attraverso il tratto urinario (figura 1: L'urina è prodotta dai reni. Passa dai reni alla vescica attraverso 2 tubi chiamati ureteri. Quindi, lascia la vescica attraverso un altro tubo chiamato uretra.) e viene espulso dal corpo attraverso l urine.

Un calcolo può causare dolore se si blocca e blocca il flusso di urina. Le pietre grandi non sempre passano da sole e talvolta richiedono una procedura minimamente invasiva per rimuoverle.

FATTORI DI RISCHIO DI CALCOLO RENALE

Alcune malattie, abitudini alimentari o farmaci possono aumentare il rischio di sviluppare calcoli renali; ecco elencati i fattori dietetici e problemi medici che aumentano il rischio di calcoli renali:

FATTORI ALIMENTARI

  • Non bere abbastanza liquidi
  • Dieta con bassi livelli di calcio
  • Uso di integratori di calcio
  • Dieta con alti livelli di proteine animali
  • Dieta ad alto contenuto di zuccheri (saccarosio, fruttosio)
  • Dieta con bassi livelli di fitato (presente nei prodotti a base di grano, riso, segale, orzo e fagioli)
  • Dieta ricca di sodio
  • Consumo frequente di spinaci

ALTRE CONDIZIONI MEDICHE

  • Iperparatiroidismo primario
  • Gotta
  • Diabete mellito
  • Obesità
  • Morbo di Crohn
  • Chirurgia di bypass gastrico o intestinale

Una volta che hai avuto un calcolo renale, hai un rischio maggiore di averne un altro in futuro. Ecco perchè è importante la prevenzione.

PREVENIRE I FUTURI CALCI RENALI

Prevenzione con lo specialista

Per impostare un programma terapeutico efficace e mirato alla prevenzione della recidiva è necessario analizzare ogni singolo caso. In particolare, insieme allo specialista, si dovrebbe:

  • conoscere la composizione dei calcoli
  • fare, in caso di recidiva, un esame combinato del sangue e delle urine
  • valutare se potresti avere alcuni problemi di salute che aumentano il rischio di calcoli renali
  • valutare se c'è familiarità.

Attraverso queste analisi, lo specialista nefrologo riuscirà a dare indicazioni dietetiche, comportamentali ed eventualmente farmacologiche.

Migliorare lo stile di vita

Spesso in seguito alla formazione di calcoli renali, insorgono le coliche che rappresentano il campanello d’allarme di uno scorretto stile di vita. Come migliorarlo?

Aumentare l'assunzione di liquidi – Bere più liquidi può aiutare a ridurre il rischio di calcoli renali. L'obiettivo è aumentare la quantità di urina che scorre attraverso i reni e anche abbassare le concentrazioni di sostanze che promuovono la formazione di calcoli. Sebbene tu possa variare i tipi di bevande che bevi, le bevande zuccherate (come bibite e bevande sportive) sembrano effettivamente aumentare il rischio di calcoli renali; hanno anche altri effetti negativi sulla salute e dovrebbero quindi essere evitati.

Cambiare la dieta – Ti potrebbe essere consigliato di apportare modifiche alla tua dieta; questo dipenderà dal tipo di calcolo renale che hai e dai risultati dei test di raccolta delle urine. In ogni caso è sempre importante bere adeguatamente, almeno due litri di acqua al giorno; fare attenzione al consumo eccessivo di sale, zuccheri semplici e grassi saturi. Aumentare il consumo di frutta, n particolare, quella contenente acido citrico (arance, limoni), potassio (banane, albicocche) e magnesio (frutta secca). Consigliate anche le verdure fresche.

● Fare attività fisica -  Eseguita con regolarità , stimola il metabolismo e l’assunzione di liquidi. È sempre consigliato, dopo l’attività fisica, reintegrare la quantità di liquidi persa con il sudore, soprattutto nella stagione estiva.

Farmaci ed integratori preventivi – Potrebbe essere consigliato di assumere un farmaco o un integratore per ridurre il rischio di futuri calcoli.

Fonti

- National Kidney Foundation, Educate Your Patients about Kidney Stones, 2020- kidney.org

- Glenn M Preminger, MD, Gary C Curhan, MD, ScD, Patient education: Kidney stones in adults (Beyond the Basics), uptodate.com, Jan 2022.

Prodotti correlati

Articoli in relazione

Condividi