Cerca nel blog

DISCLAIMER

Le informazioni contenute in questo sito sono presentate a solo scopo informativo, in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento, e non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica. Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o di specialisti riguardo qualsiasi indicazione riportata..

Calo del Desiderio Maschile: sempre più all'ordine del giorno

- Categoria: Calo del Desiderio Rss feed

Che sconforto: il calo del desiderio maschile è sempre più all’ordine del giorno, in Europa e soprattutto in Italia, fino a raggiungere una completa perdita di interesse per il sesso già intorno ai 40-50 anni.

A sentire questa, probabilmente, le nostre nonne si farebbero una sonora e incredula risata: da una ricerca sugli italiani a letto elaborata dall'Istituto di sessuologia clinica di Roma, presentata al Congresso della Federazione europea di sessuologia, è emerso che il calo del desiderio sessuale dell'uomo è triplicato negli ultimi dieci anni.

Ma non finisce qui, i dati emersi dallo studio rivelano che:

  • il 40% delle coppie non fa più l'amore, la media di età si aggira intorno ai 40 anni e si tratta per lo più di coppie consolidate con figli;
  • sempre più donne chiedono al medico prescrizioni di Viagra per il loro uomo;
  • sempre più uomini italiani soffrono di ansia da prestazione, secondo gli esperti, soprattutto a causa dello stress da lavoro e dell'insistenza delle partner sempre più esigenti sotto le lenzuola;
  • anziché affrontare il problema, la maggior parte degli uomini, che non rinuncia al sesso, preferisce ricorrere a relazioni extraconiugali, in molti casi con prostitute, senza impegno, per evitare giudizi oppure si consola con relazioni online.

 

Cerchi aiuti naturale contro il calo del desiderio? Ecco i migliori integratori per l'uomo

Calo del desiderio sessuale maschile: perchè succede?

Purtroppo lo studio dell'Istituto di Sessuologia di Roma non è l'unico a confermare che nel maschio il calo del desiderio e l'abbassamento della libido sono in crescente aumento.

Alla base ci possono essere problematiche diverse, sia di natura psicologica, ma anche fisica. I due fattori più frequenti che possono scatenare questa problematica maschile sono lo stress cronico e l'ansia prestazionale.

- Lo stress cronico

Per stress cronico si intende una situazione di disagio legata a tensioni, preoccupazioni, stanchezza correlate al lavoro, ai problemi familiari ed economici. Queste ed altre situazioni quotidiane spesso si può ripercuotere nella sfera sessuale creando un calo dell'interesse verso la sessualità.

- Ansia prestazionale

L'ansia da prestazione può dipendere da tanti fattori:

da un'insufficiente funzionamento meccanico in termini di erezione, magari legato a fattori fisici quali diabete, ipertensione, dislipidemie;

  • da un problema di eiaculazione precoce
  • dalle dimensione del pene (percepita come insufficiente dall'uomo)
  • da una scarsa qualità delle prestazioni precedenti.
  • Questi fattori innescano nell'uomo un vero e proprio meccanismo difensivo che cerca di evitare il ripresentarsi della situazione spiacevole, inibendo appunto il desiderio sessuale.

Articoli in relazione

Condividi