Prostatite acuta e cronica: classificazione

La prostatite acuta  è la più comune malattia genito-urinaria nella fascia di età tra i 18 e 50 anni; almeno il 50% degli uomini ha un episodio di prostatite nel corso della vita; una buona percentuale di prostatite acuta si cronicizza.

Impatto della prostatite sulla qualità della vita

ProstatiteLa prostatite è una patologia che influisce negativamente sulla qualità della vita, il paziente è afflitto dolori, a volte lancinanti, che ne compromettono le attività lavorative e di relazione. Studi recenti dimostrano che la qualità della vita è simile a quella dei pazienti con infarto miocardico recente o con morbo di Crohn in fase attiva.

I pazienti affetti da prostatite possono inoltre andare incontro a disfunzione erettile, diminuzione della libido, depressione e non ultimo infertilità.

Anche l'impatto economico è molto elevato  considerato le giornate di malattia di un paziente affetto da prostatite cronica e il costo delle analisi diagnostiche per la sua diagnosi. Tutto ciò richiede un aumento dell’attenzione della classe medica verso questa patologia che viene molto spesso sottovalutata.

 

Classificazione delle prostatiti

CLASSIFICAZIONE NIH-NIDDK:

  • Acuta batterica
  • Cronica batterica
  • Cronica abatterica
  • Sindrome dolorosa pelvica cronica
  • Infiammatoria asintomatica

Nelle prostatiti batteriche i patogeni più frequentemente associati sono: Escherichia Coli, Klebsiella spp., Proteus mirabilis, Pseudomonas aeruginosa , Enterococcus faecalis, Staphylococcus aureus.

La sindrome dolorosa pelvica rappresenta il 70% di tutte le prostatiti croniche e comprende pazienti sintomatici nei quali non si è isolato nessun ceppo batterico.

 

Regimi terapeutici per la prostatite

Malgrado la frequenza con la quale viene posta una diagnosi di prostatite non esistono regimi terapeutici di provata efficacia. Ciò è dovuto essenzialmente alla difficoltà di inquadramento ezio-patogenetico, alla presenza a livello prostatico di una membrana basale/strato epiteliale difficilmente permeabile ai farmaci e alla difficoltà a eradicare la componente psicosomatica.

L'uso dei fitoterapici - come Uva Ursina (Arctostaphylos uva-ursi L.), Artiglio del Diavolo (Harpagophytum procumbens DC, radix), Boswellia (Boswellia Roxb., gummi-resina), Salice bianco (Salix alba L., cortex), Bromelina microincapsulata - può essere utile per integrare la terapia principale (in primis antibiotici ed antinfiammatori), per il trattamento di richiamo oppure dove non sia indispensabile la terapia principale.

 

Prova gli effetti benefici di queste piante in sinergia in un unico prodotto naturale come Prosvit

 

Torna al blog